Associazione Casa della Resistenza

Parco della Memoria e della Pace

 
Per: Tutti
Una proposta di lettura in occasione dell’8 marzo 2017: Gianluca Grossi, Infiniti passi, Bellinzona, Salvioni edizioni, 2016.
Per: Tutti
La storia di un’esistenza, di una scelta radicale, della difesa di un ideale di libertà e democrazia.
Per: Tutti
“E noi, che ne sarà di noi? Un diploma tutsi non è come un diploma hutu. Non è un vero diploma. Il diploma è la tua carta d’identità. Se c’è scritto tutsi, non troverai mai lavoro, neanche presso i bianchi. È la quota”
Per: Tutti
Enrico Camanni – scrittore, romanziere, alpinista – con il suo ultimo libro, Alpi ribelli – Storie di montagna, resistenza e utopia, edito da Laterza, propone un percorso a ritroso nella storia secolare delle Alpi che, da sempre, sono state rifugio e megafono delle anime libere, contrarie e resistenti.
Per: Tutti
Il volume “Le guerre italiane, 1935-1943” di Rochat, ci porta a conoscere un mondo non molto chiaro e spesso dimenticato dalla storiografia italiana: le numerose guerre che il fascismo combatte senza sosta dal 1935 al 1943, anche se si può partire ancora prima, dal 1922, anno in cui il fascismo prese il potere.
Per: Tutti
L’epopea delle donne sovietiche nella seconda guerra mondiale “Ve lo ricordate, ragazze, si viaggiava tutti insieme su quei treni merci riscaldati, e i commilitoni ridevano per come tenevamo i fucili. Non come si tiene un’arma, ma piuttosto così… Adesso non mi riesce più… li tenevamo come si tiene una bambola.”
Per: Tutti
Il romanzo nasce dalla diretta esperienza dell’autrice vissuta tra i partigiani delle valli di Comacchio. “L’Agnese va a morire” è un romanzo pubblicato nel 1949, anno in cui ha vinto il Premio Viareggio. Perché rileggerlo oggi?
Per: Tutti
Streghe e folletti, uomini selvatici, peccati e peccatori. “La fiamma scoppietta per legna odorosa. 'Su, cara vecchietta, non dici qualcosa? Sei stanca? Coraggio… io voglio leggende soavi o tremende'”. Paolo Crosa Lenz non poteva scegliere testo migliore di questa frase del poeta don Remigio Biancossi, sacerdote bognanchese, per aprire il suo libro "Leggende delle Alpi. Il mondo fantastico in Val d'Ossola".
Per: Tutti
Premio Cipputi al Torino Film Festival - Un viaggio esistenziale dall’Italia verso gli ex teatri di guerra della Bosnia Erzegovina dove ancora oggi squadre di sminatori sono attive nella bonifica dei terreni. Nel conflitto tra dovere e coscienza si muovono i passi di un uomo in cerca di riscatto.
Per: Tutti
"Io sono diventata 'ministro' dell'Ossola quando ancora le donne non avevano diritto di voto (che venne dato nel gennaio '45 soltanto, dal luogotenente Umberto di Savoia)... Anche questo fatto la storia deve esaminare: perché una donna per la prima volta nella storia del nostro Paese, una donna che non fosse una regina, una principessa o una badessa, è diventata una dirigente di governo; quali sono state le ragioni che mossero questi uomini che hanno accettato la proposta, compiendo, a mio parere, un atto nuovo e unico nella storia d'Italia. Ed è per questo fatto che porto in me questo patriottismo ossolano". Così scriveva Gisella Floreanini, a cui è stato dedicato il secondo volume della collana Novecentodonne, edita da Unicopli.