Our
Blog

Il tribunale del duce. La giustizia fascista e le sue vittime (1927-1943)
Da consigliare a:
Tutti

 

Il libro di Mimmo Franzinelli, basato su fonti d'archivio sinora inesplorate, ricostruisce la storia del Tribunale speciale dello Stato - insediato novant'anni fa, il 1° febbraio 1927, a Roma, nell'Aula IV del Palazzo di Giustizia -, e lo fa documentando attività e funzioni del Tribunale, svelando l'intreccio tra persecutori e perseguitati, raccontando i segreti, assai poco commendevoli, della magistratura di regime: gli scandali su cui fu imposto il silenzio, le ruberie dei giudici, la corruzione degli avvocati, le sentenze palesemente truccate, la terribile situazione in cui vennero a trovarsi le donne, vittime di una giustizia ferocemente maschilista (il solo essere figlia, sorella o moglie di un sovversivo comportava l'arresto, senza riscontri oggettivi di reato). Ma Franzinelli dedica pagine efficaci, ricche di dettagli e informazioni, anche ad altri aspetti, non meno inquietanti, dell'intera vicenda, come il potenziamento del Tribunale speciale durante la seconda guerra mondiale e, soprattutto, il colpo di spugna che dopo il 1945 «perdonerà» quasi tutti i responsabili. In nome della continuità dello Stato, si doveva archiviare (e dimenticare) un passato troppo scomodo.

 

> catalogo